LA STORIA

Si chiama Francesco Saverio Rigoli, ma per buona parte dell’internet e del mondo occidentale è cicciorigoli. Ciccio ha 37 anni, fa il poeta ma non proprio, il comico ma non proprio, il bassista ,a non proprio, l’imprenditore ma non proprio. La sua vita si riassume in due parole: non proprio.
Ha 37 anni, un figlio di 5 anni e la barba da 4 anni. Punta ad avere le Goleador come moneta unica e una volta ha fatto una foto con Umberto Tozzi. Il momento più alto della sua vita, indubbiamente.
 

 

LA FILOSOFIA

Quando va a fare le serate nei locali e gli chiedono la scheda tecnica lui risponde che gli bastano due cose: uno sgabello alto e l’open bar. Lo sgabello alto però è opzionale.

Punk: Iconoclasta, irrispettoso, talvolta eccessivo. Ma senza sputare per terra.
Poetry: Sono soprattutto testi letti a voce alta. A volte vanno anche a capo, ma quando leggo non si nota.
Cabaret: Fa ridere. Chiedete a chi l’ha già visto.

Un reading che fa ridere. Un cabaret che viene letto. Un basso che accompagna una voce inadatta al canto. Il recupero sociale di Ciro dei Neri per caso, una proposta di fidanzamento a Britney Spears, buon propositi per l’anno nuovo, la maxistoria di come la mia vita cambiata, capovolta, sottosopra sia finita. Personaggi, interpreti, gente che entra e gente che esce anche se sul palco c’è una persona sola. Parole sussurrate, urlate, declamate. Un pubblico che partecipa, anche se questo non è un dibattito.

Tutto questo e molto altro è Punk Poetry Cabaret. Ma potrebbe cambiare anche domani, chi lo sa.


 

IL PROGETTO

Ciccio ha scritto due libri: Libreria Alessandria che è un romanzo, e Ponderatissime parole a manetta che invece è una raccolta di robe che fanno ridere e che spesso vengono declamate ad alta voce sul palco, “ponderatissime” perché ogni parola è pesata e voluta, “a manetta” perché sono tante parole, sostantivi, aggettivi, avverbi e copule che vanno via veloci senza sosta. Sta sul palco dal 2001 e da due anni fa parte del circuito della Lega Italiana Poetry Slam. Gli piacciono molto i poetry slam, ogni tanto capita anche che ne vinca qualcuno.

Ha fatto spettacoli in locali, circoli, teatri, case occupate, centri sociali e anche a domicilio. Insomma, dove lo metti sta. Il suo ultimo spettacolo si intitola “Punk Poetry Cabaret”, a volte anche nella special edition “Come a Samuel dei Subsonica” perché sperimenta con un doppio microfono ed egli effetti sonori.

 



Ti è stato utile l’articolo?

Aperitivo Clandestino organizza i migliori aperitivi e eventi musicali, teatrali e culturali in location fuori dal comune ed è fiero di poter collaborare con i migliori professionisti sul territorio.

Scopri di più su cosa propone il nostro partner e dove.